Biblioteca nazionale slovena: incontro con il Consiglio di amministrazione

COMUNICATO STAMPA - TISKOVNO SPOROČILO

Trieste -

Il 29 novembre 2012 i Coordinatori USB Derosa Francesco, Gianolla Fabrizio e Volk Sandi hanno incontrato il Consiglio di Amministrazione della Biblioteca nazionale slovena e degli studi (BNSS) al fine di ricevere chiarimenti riguardo alla messa in CIG in deroga di 3 dipendenti operanti presso la Sezione storia della stessa, alla situazione e al prosieguo delle attività dell’ente da esso amministrato.

Nel corso dell’incontro il CdA ha illustrato la disastrosa situazione finanziaria che ha determinato la cassa integrazione in deroga sino al 31 dicembre 2012 per i dipendenti operanti presso la Sezione storia di Trieste. Il CdA ha evidenziato come la situazione sia imputabile ai ritardi nell’erogazione dei contributi dovuti per legge da parte dello Stato italiano e della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, che non ha ancora provveduto a versare la prima trance di 198.000 € dei contributi statali per l’anno 2012. A causa di tale stato di cose il CdA non è in condizione nemmeno di pagare gli stipendi del personale in servizio per il mese di novembre. Il futuro stesso dell’ente sarebbe inoltre messo in serio dubbio dalla decurtazione del 25% dei contributi per il 2012 dello Stato italiano e del 20% di quelli della Repubblica di Slovenia, che causerebbe inevitabilmente un deficit di bilancio con tutte le conseguenze che ne deriveranno, non esclusa la chiusura dell’attività della BNSS.

Nel prendere atto di quanto comunicato dal CdA, l’USB non ha potuto che stigmatizzare l’inaccettabile comportamento dello Stato italiano,come pure di quello sloveno, nonché della Regione FVG, nei confronti della BNSS, istituzione unica ed insostituibile nel panorama culturale e scientifico della regione, ma sopratutto la propria preoccupazione per la sorte dei dipendenti della stessa. Rilevando come la messa in CIG in deroga dei 3 dipendenti non appaia decisivo per la risoluzione dei problemi finanziari della BNSS, i rappresentanti dell’USB hanno perciò chiesto il loro pieno reintegro appena l’ente avrà a disposizione la prima tranche dei contributi per il 2012. L’USB non può peraltro non rilevare come la gestione della BNSS sia stata non adeguata allo sviluppo avuto dall’attività della BNSS negli ultimi anni e per garantire l’ulteriore sviluppo dell’insostituibile attività scientifica e culturale della BNSS ed il pieno dispiegamento delle sue potenzialità. L’USB ha anche sottolineato come la situazione abbia già comportato un danno al patrimonio scientifico della BNSS, viste le dimissioni di uno dei dipendenti - altamente qualificato - per cui era stata decisa la CIG in deroga.

A conclusione dell’incontro è stata consegnata al CdA la raccolta delle dichiarazioni, pervenute da singoli ed enti di vari paesi europei, di solidarietà e sostegno ai dipendenti della Sezione storia e al mantenimento dell’operatività della Sezione storia che dimostrano l’importanza della stessa.

L’USB, a fronte della situazione illustrata dal CdA della BNSS, ha voluto convocare la presente Conferenza Stampa al fine di lanciare un segnale alle autorità politiche italiane, ma anche a quelle slovene, per sollecitare la rapida erogazione dei contributi previsti per la BNSS e ribadire l’importanza di mantenere in vita e consentire lo sviluppo di un ente unico e insostituibile nel panorama culturale e scientifico non solo italiano, ma transfrontaliero ed europeo, come la BNSS.

A tale riguardo l’USB ha già chiesto un incontro urgente con il Dott. De Anna ElioAssessore regionale alla cultura, sport, relazioni internazionali e comunitarie, funzione pubblica, autonomie locali e coordinamento delle riforme al fine di evidenziargli l’importanza dell’assicurare l’attività della BNSS.

Uguale incarico è stato conferito ai Coordinatori Nazionali di USB, nei confronti delle sedi Istituzionali del Parlamento Italiano.

L’USB si augura che gli organi d’informazione divulghino questo comunicato al fine di sensibilizzare autorità, esponenti politici e cittadinanza.

 

 

29. novembra so se predstavniki sindikata USB Francesco Derosa, Fabrizio Gianolla in Sandi Volksrečali z Upravnim odborom (UO) Narodne in študijske knjižnice (NŠK) da bi dobili pojasnila o postavitvi v dopolnilno blagajno treh zaposlenih na Odseku za zgodovino NŠK, o stanju NŠK in o bodočem delovanju ustanove.

Na srečanju je UO prikazal katastrofalno finančno stanje, ki je privedlo do postavitve v dopolnilno blagajno uslužbencev Odseka za zgodovino do 31.12.2012. UO je tudi poudaril, da je nastala situacija posledica kasnenja italijanske države in Dežele Furlanije Julijske krajine pri izplačevanju zakonsko določenih sredstev, ki še ni zagotovila niti izplačila 198.000 € predujema od državnih prispevkov predvidenih za leto 2012. Zaradi takega stanja ne bo UO niti v stanju, da izplača plače osebja za mesec november. Sama bodočnost ustanove pa postavlja pod velik vprašaj predvideno 25% krčenje prispevkov italijanske države ter 20% krčenje prispevkov Republike Slovenije za leto 2012, kar bi neizogibno privedlo do deficita bilance ustanove z vsemi s tem povezanimi posledicami. UO ni izključil niti možnosti popolnega prenehanja dejavnosti NŠK.

Zastopniki USB so vzeli na znanje prikazano situacijo in obsodili nesprejemljiv odnos italijanske in slovenske države ter Dežele Furlanije Julijske krajine do NŠK, ustanove edinstvenega in nezamenljivega pomena za kulturno in znanstveno stvarnost dežele, predvsem pa so izrazili zaskrbljenost za usodo njenih uslužbencev. Ob ugotovitvi, da dopolnilna blagajna za tri uslužbence ni odločilnega pomena za rešitev finančnega stanja ustanove, so zato predstavniki USB zahtevali njihov povratek na delo takoj, ko bo NŠK imela na razpolago predujem prispevkov za leto 2012.

Sindikat USB se pa ne more izogniti ugotovitvi, da se zdi vodstvo NŠK nedoraslo razvoju, ki ga je ustanova doživela v zadnjih letih ter za to, da se zagotovi nadaljni razvoj znanstvene in kulturne dejavnosti te nezamenljive ustanove in polnemu uresničevanju njegovih potencialov. Sindikat je tudi podčrtal, da je nastala situacija že privedla do oškodovanja znanstvenega bogastva NŠK, saj je eden od uslužbencev - visoko kvalificirani - ki naj bi šel v dopolnilno blagajno, dal odpoved.

Ob zaključku srečanja je bil UO izročen izvod zbirke vseh dosedaj dospelih izjav solidarnosti z uslužbenci Odseka za zgodovino NŠK in za ohranitev njegove dejavnosti, ki so jih poslali številni posamezniki in ustanove iz več evropskih držav, in so zgovoren dokaz pomembnosti Odseka za zgodovino

Spričo situacije, ki ga je prikazal UO NŠK je sindikat USB sklical današnjo tiskovno konferenco da bi poslal glasno sporočilo italijanskim, a tudi slovenskim, političnim oblastem, naj čim prej zagotovijo hitro izplačilo prispevkov NŠK, ter da bi ponovno podčrtal pomembnost, da se ohrani in zagotovi razvoj ustanove edinstvenega in nezamenljivega pomena ne le na deželni, temveč na čezmejni in celo mednarodni ravni, kot je NŠK.

V tem smislu je sindikat USB prosil za nujno srečanje z Deželni odbornikom za kulturo, šport, evropske in mednarodne odnose, dr. Eliom De Anno, da bi mu predočili pomembnost zagotovitve delovanja NŠK.

Enaka naloga je bila na vsedržavni ravni zaupana Vsedržavnim koordinatorjem USB, ki bodo intervenirali pri ustanovah italijanskega parlamenta.

Sindikat USB upa, da bodo informacijski organi objavili to sporočilo, s katerim želimo ozavestiti o dogajanju pristojne oblasti, politične predstavnike in javnost nasploh.

 

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni