COMUNICATO STAMPA SU QUESTIONE BIBLIOTECA SLOVENA - TISKOVNO SPOROČILO O OBČNEM ZBORU NŠK

ORGANI D’INFORMAZIONE - CRONACA SINDACALE COMUNICATO STAMPA - CON RICHIESTA DI PUBBLICAZIONE

INFORMACIJSKIM ORGANOM - INDIKALNA KRONIKA TISKOVNO SPOROČILO - S PROŠNJO ZA OBJAVO

Trieste -

A un anno dall'azzeramento del personale e dalla chiusura della Sezione storia (SS) della Biblioteca nazionale slovena e degli studi (BNSS) e di fronte alle affermazioni del Comitato direttivo (CD) della BNSS all'assemblea generale del 25.6.2014 USB rileva quanto segue:

  • La SS esiste solo sulla carta, č senza personale qualificato ed č accessibile solo in misura ridottissima al pubblico
  • La digitalizzazione degli inventari del materiale della SS, tanto sbandierata dalla presidente passata ed attuale della BNSS, č scomparsa nel nulla.
  • Nel corso dell'anno la SS non ha acquisito alcun nuovo materiale/fondo, il che significa che  la SS č ormai una istituzione archivistica morta. Una parte del materiale giŕ acquisito marcisce intanto abbandonato negli ex locali della SS in via Petronio, mentre al CD non passa nemmeno per l'anticamera del cervello che esista la questione dell'acquisizione di nuovo materiale e documenti.
  • La preannunciata digitalizzazione “a breve” di oltre 150.000 negativi dell'archivio fotografico del Primorski dnevnik (c.d. Archivio Magajna) ha prodotto in realtŕ nel corso di un anno la digitalizzazione di soli 16.000 foto per una spesa di 11.000 €. Il che significa che per digitalizzare tutti i circa 350.000 negativi del fondo saranno necessari 21 anni e una spesa di 231.000 €. Tutto questo mentre negli ex locali della SS giacciono abbandonati le attrezzature ed i programmi acquisiti dalla BNSS con appositi fondi regionali (circa 15.000€) per la digitalizzazione di negativi fotografici.
  • Con l'azzeramento del personale della SS nel 2013 la BNS ha risparmiato 107.000€, ma oggi invece dei precedenti 3 affitti corrisposti alla finanziaria KB 1909 e alla Societŕ finanziaria adriatica ne corrisponde 4, sempre alle stesse societŕ.
  • Quanto all'affermazione secondo la quale il bilancio presenterebbe un passivo di 9.200€ a causa del risarcimento versato al dipendente licenziato, si comunica che il nostro associato sig. Volk ha ricevuto un risarcimento per licenziamento illegittimo di 8.500 (OTTOMILACINQUECENTO)€. Si tratta evidentemente di un affermazione tesa a fornire informazioni svianti sulla situazione della BNSS agli altri membri del CD, ai soci della BNSS e all'opinione pubblica, alle quali il vertice piů ristretto della BNS ci ha ormai abituato.
  • Per quanto riguarda il problema dei soci, USB ricorda che oltre 200 domande d'ammissione alla BNSS attendono ancora che il CD, come prevede lo statuto, le prenda in esame e ne decida l'accoglimento o il rigetto. In riferimento poi a quanto comunicato per iscritto dalla presidente l'anno passato sul fatto che circa 40 domande sarebbero state respinte per la decisione del CD di non accogliere nuovi soci, USB invita il Collegio sindacale della BNSS ad ottemperare ai suoi obblighi a vigilare sul rispetto delle norme statutarie e a verificare quando e come il CD avrebbe assunto una decisione che č in aperto contrasto con lo statuto, che stabilisce che il numero dei soci č illimitato.

 
Pare piů che evidente che l'azzeramento del personale e la chiusura della SS non sono avvenute a causa di (inesistenti) difficoltŕ finanziarie, ma per ben altre ragioni e altri scopi. Per avere una risposta č forse necessario chiedersi anche quali siano le vere ragioni per cui si č arrivati a un bilancio in negativo in presenza di un ammontare record di contributi pubblici incassati e di una diminuzione altrettanto da record delle spese per il personale. Concretamente: dove (e sopratutto a chi) sono finiti i 286.000€ della differenza tra contributi percepiti e spese per il personale?
USB intende informare a breve piů ampiamente l'opinione pubblica su questi ed altri aspetti curiosi della gestione della BNSS.

 

 



Po enem letu od izničenja osebja in zaprtju Odseka za zgodovino (OZ) Narodne in študijske knjižnice (NŠK) in ob izjavah Upravnega odbora (UO) na občnem zboru NŠK 25.6.2014 ugotavlja naša sindikalna organizacija sledeče

  • Odsek za zgodovino obstaja le na papirju, je brez kvalificiranega osebja in je javnosti dostopen le v izredno okrnjeni obliki
  • O digitalizacija inventarja gradiva OZ, ki jo je slovesno napovedovala prejšnja in sedanja predsednica NŠK, ni ne duha ne sluha
  • OZ ni v teku enega leta pridobil nobenega novega gradiva/materiala, kar pomeni, da je kot arhiv mrtva ustanova, ob tem pa del hranjenega gradiva dobesedno gnije v nekdanjih prosotrih na ul. Petronio. UO pa se s problemom bogatenja gradiva sploh ne ukvarja.
  • Napovedana digitalizacija več kot 150.000 negativov iz fonda arhiva Primorskega dnevnika (t.z. Arhiv Magajna) v teku nekaj mesecev je v enem letu obrodila skromnih 16.000 digitaliziranih posentkov za strošek 11.000 €. Kar pomeni, da bo potrebno za digitaliziranje vseh okoli 350.000 hranjenih posnetkov okoli 21 let, NŠK pa bo za to potrošila okoli 231.000 €. Vse to ob dejstvu, da leži v nekdajih prostorih OZ povsem zapuščena za digitalizacijo negativov namensko, z deželnimi sredstvi (okoli 15.000€) nabavljena oprema (z ustreznimi programi).
  • Z izničenjem osebja OZ je leta 2013 NŠK prihranila 107.000€, namesto 3 najemnin pa sedaj plačuje 4 najemnine KB 1909 in Jadranski finančni družbi.
  • Glede izjave, da je bilanca negativna za 9.200 € zaradi bivšemu uslužbencu izlačane odškodnine, sporočamo, da je naš član g. Volk prejel za nelegitimni odpust 8.500 (OSEMTISOČPETSTO) € odškodnine. Ta izjava se uvršča v za vrhuško  NŠK že običajno za ostale odbornike, članstvo NŠK in javnost zavajujoče predstavljanje stanja NŠK.
  • Kar se tiče problema članstva želi Bazna sindikalna unija (BSU) spomniti na dejstvo, da več kot 200 prošenj za včlanitev še vedno čaka, da jih UO NŠK, kot predpisuje statut, vzame v obravnavo in odloči o njihovem sprejemu ali zavrnitvi. Glede na lansko pisno izjavo predsednice UO, da je bilo okoli 40 prošenj zavrnjenih, ker je UO odločil, da ne sprejema novih članov, poziva BSU Nadzorni svet NŠK naj izpolni svojo dolžnost nadzora nad spoštovanjem statuta NŠK in preveri, kdaj in kako naj bi UO sprejel tako določitev, ki krši statut, ki predpisuje, da je število članov neomejeno.

 
Naša sindikalna organizacija smatra, da je več kot očitno, da ni do izničenja osebja in zaprtja OZ prišlo zaradi finančne stiske (ki je nikoli ni bilo), ampak iz povsem drugih razlogov in namenov. Da pridemo do odgovora se je mogoče potrebno vprašati tudi, kateri so pravi vzroki za negativno bilanco kljub rekordni višini prejetih javnih sredstev in prav tako rekordnemu znižanju stroškov za osebje. Konkretno: kam (predvsem pa komu) je končalo 286.000€ razlike med prihodki in stroški za osebje?
BSU namerava v kratkem javnost obširneje seznaniti o teh in drugih zanimivih vidikih upravjanja NŠK.

per USB Lavoro Privato Trieste
Alessandro Volk